Latte di Mandorla

latte_di _mandorle.jpg

Ingredienti | Cosa ci dobbiamo procurare:

  • 150 g di mandorle spellate da agricoltura biologica
  • 1 l di acqua

Esecuzione | Come la prepariamo:

Mettiamo le mandorle spellate in un frullatore, aggiungiamo l’acqua e frulliamo il tutto, a lungo, fino ad ottenere un bel liquido bianco. Se volessimo seguire, invece, le ricette tradizionali dobbiamo pestare accuratamente le mandorle tritate in un mortaio e, per bloccare la fuoriuscita dell’olio essenziale in esse contenuto, dobbiamo aggiungere alla purea una goccia di acqua o di acqua rosata. La crema così ottenuta si diluisce con acqua e si passa tutto al setaccio, ripassando anche più volte finché il liquido non sarà perfettamente filtrato.

Curiosità:

Si tratta di una soluzione lattiginosa ottenuta dal “lavaggio” delle mandorle pestate con acqua o altri liquidi. Il procedimento per la realizzazione di questa bevanda non era diffuso in Occidente, prima che lo diffondessero gli Arabi e la sua straordinaria popolarità sembra dovuta al fatto che fosse un degno sostituto del latte vaccino nei periodi di magro.
Con lo stesso procedimento indicato si possono ottenere liquidi simili da altri semi (canapa, cetriolo, nocciole, noci, pistacchi, pinoli…) ma di gran lunga più utilizzato è il latte di mandorla.


Fonte: 

  • Anonimo Napoletano, Ms. Bühler 19, Pierpont Morgan Library, New York (Edd. Benporat 1996 e Scully 2000) 
  • Buone e dilicate vivande, Ms. 1089, Fondation Bibliothèque International de Gastronomie, Lugano

Suggerimenti:

Se si dovessero utilizzare mandorle non spellate si consiglia di farle scottare in acqua bollente. Dopo un paio di minuti le mandorle vanno scolate e passate sotto l’acqua fredda; così sono pronte per essere mondate senza troppa fatica.